Dichiarazione integrativa e istanza di rimborso sono rimedi concorrenti e tra loro compatibili, uno afferente l’accertamento, l’altro la riscossione.

La Corte di Cassazione, Sezione Tributaria, nella Sentenza 16 luglio 2019, n. 19002 (Pres. Cirillo, Rel. Guida) accoglie il ricorso di una società contribuente che si era vista negare dalla CTR un rimborso richiesto ai sensi dell’articolo 38 del DPR 602/73 (e ottenuto con sentenza della CTP) per non aver esperito la procedura corretta per

17 Luglio 2019|Categories: News|Tags: , , , |0 Comments

Credito IVA desumibile dai numeri anche se non specificamente evidenziato in dichiarazione: spetta il rimborso. Non rileva il termine di cui all’articolo 21 del D.Lgs. 546/92.

In tema d'IVA, ove il credito di imposta sia già desumibile dalle dichiarazioni del contribuente e non sia contestato dall'Amministrazione finanziaria, non è necessaria una specifica istanza di rimborso, che costituisce solo il presupposto di esigibilità per l'avvio del relativo procedimento. Per questo motivo  non trova applicazione il termine biennale di decadenza previsto dall'art. 21,

Rimborso iva per acquisto di beni strumentali: spetta anche prima del riscatto dei beni in leasing.

In tema di rimborsi IVA l'art. 30, terzo comma, d.P.R. n. 633 del 1972, prevede che l'eventuale eccedenza d'imposta a credito di ammontare superiore a 2.582,28 euro possa essere richiesta a rimborso, totalmente o parzialmente, laddove sussistano i presupposti indicati dal secondo comma di tale articolo, il quale, alla lett. c), menziona il rimborso dell'eccedenza

13 Maggio 2019|Categories: News|Tags: , , , , |0 Comments

Emendabilità della dichiarazione con onere della prova della rilevanza dell’errore sotto il profilo della essenzialità ed obiettiva riconoscibilità.

L’ Ordinanza 7 giugno 2018, n. 14859 della VI Sezione della Corte di Cassazione (Pres. Iacobellis, Rel. Conte) affronta il caso di un contribuente che erroneamente aveva indicato a rimborso un credito IVA poi riportato quale eccedenza di imposta per l'anno successivo, con conseguente ripresa a tassazione, mediante cartella, dell'intero importo del credito. L’Agenzia ha

Per la Corte UE è indetraibile l’IVA versata per errore su un acquisto intra.

La Corte di Giustizia UE, con la sentenza 21 febbraio 2018, C- 628/16, affronta il caso di una errata qualificazione di una operazione di vendita. La cessione in effetti era avvenuta in primis tra un operatore tedesco e un austriaco. Successivamente l’operatore austriaco aveva rivenduto la merce ad un altro operatore interno che aveva direttamente

22 Febbraio 2018|Categories: News|Tags: , , , , , |0 Comments

Ricorso avverso il diniego di rimborso di imposta. Grava sul contribuente l’onere probatorio.

In tema di contenzioso tributario, il contribuente che impugni il rigetto dell'istanza di rimborso di un tributo riveste la qualità di attore in senso sostanziale, con una duplice conseguenza: In primo luogo che grava su di lui l'onere di allegare e provare i fatti a cui la legge ricollega il trattamento impositivo rivendicato nella domanda

10 Gennaio 2017|Categories: News|Tags: , , , |0 Comments

Il diritto al rimborso matura col termine per la liquidazione e si prescrive nei dieci anni successivi.

Breve sentenza quella della Corte di Cassazione del 15 luglio 2015 n. 14805. E breve sarà il commento, per il quale utilizzeremo il testo della motivazione nella parte che riteniamo saliente: “Sebbene in un risalente precedente si sia affermato che il rimborso, chiesto nella dichiarazione dei redditi, del credito, per imposte versate in eccesso sulle

16 Luglio 2015|Categories: News|Tags: |0 Comments

L’esposizione di una somma a rimborso in dichiarazione equivale ad una istanza ad hoc (impugnabile in caso di silenzio rifiuto).

Interessante sentenza della Corte di Cassazione (n. 21734 del 15 ottobre 2014). I giudici, accogliendo il ricorso della contribuente hanno infatti affermato il seguente principio: “In tema di imposte sui redditi, qualora il contribuente evidenzi nella dichiarazione, secondo le modalità stabilite dalla legge, un credito d’imposta, non occorre da parte sua alcun altro adempimento ai

16 Ottobre 2014|Categories: News|Tags: |0 Comments