Credito IVA da dichiarazione omessa: si ribadisce che occorre far riferimento alla sostanza del credito stesso e non alla regolarità degli adempimenti.

La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione torna sulla questione del credito da dichiarazione IVA omessa con la sentenza 11655 del 3 maggio 2019 (Pres. Chindemi, Rel. Zoso). E lo fa ribadendo la natura sostanziale del credito IVA, con la conseguenza che la sua ricostruzione (attraverso fatture e documenti contabili) può rendere il credito stesso

7 Maggio 2019|Categories: News|Tags: , , , , , |0 Comments

E’ reato l’utilizzo in compensazione di un credito IVA da omessa dichiarazione. Tutto giusto?

Configura il reato di indebita compensazione (art. 10 -quater del dlgs n. 74 del 2000) l’utilizzo in compensazione un credito iva scaturente dalla omessa presentazione della dichiarazione modello Unico. Lo afferma la III Sezione Penale della Corte di Cassazione nella sentenza n. 41229 depositata il 25 settembre 2018. Il ricorso per cassazione del legale rappresentante

26 Settembre 2018|Categories: News|Tags: , , |0 Comments

Credito iva e mancata indicazione nella dichiarazione successiva (omessa): altra pronuncia nel solco delle Sezioni Unite.

La questione circa la possibilità di ottenere la detrazione di un credito IVA non indicato nella dichiarazione dell'anno al quale si riferisce la relativa pretesa è stata di recente decisa dalle Sezioni Unite con la sentenza n.17757/2016. In tale importante pronuncia si è affermato il seguente principio di diritto:  “La neutralità dell'imposizione armonizzata sul valore

26 Gennaio 2017|Categories: News|Tags: , , , |0 Comments

Il credito IVA da dichiarazione omessa può essere fatto valere nella dichiarazione successiva.

La sesta Sezione della Corte di Cassazione torna, con l’ordinanza n.127 depositata il 4 gennaio 2017, sul tema del credito iva da dichiarazione omessa. E lo fa richiamando la recente giurisprudenza delle Sezioni Unite del 2016, con riferimento in particolare alla Sentenza 17757 dello scorso 8 settembre. In principio che viene ribadito è quello per

9 Gennaio 2017|Categories: News|Tags: , , , |0 Comments

Dichiarazione omessa se ricevuta dal sistema ma con errori bloccanti.

La Corte di Cassazione, con sentenza 22 maggio 2015, n. 10599, esamina un caso di asserita omessa dichiarazione che aveva generato il recupero con procedura di liquidazione del credito da dichiarazione omessa. La particolarità della vicenda sta nel fatto che l’invio della dichiarazione era avvenuto attraverso un intermediario abilitato il quale aveva inviato effettivamente la

25 Maggio 2015|Categories: News|Tags: |0 Comments

Reato di omessa dichiarazione: il calcolo del termine di prescrizione decorre dal 91° giorno successivo alla scadenza della dichiarazione stessa.

Il termine di prescrizione del reato di cui all'art. 5 DLgs. 10 marzo 2000 n. 74, comincia a decorrere dal novantunesimo giorno successivo alla scadenza del termine ultimo stabilito dalla legge per la presentazione della dichiarazione annuale. E’ daltronde lo stesso art. 5 del DLgs. 74 del 2000 che al secondo comma prevede “Ai fini della disposizione

28 Aprile 2015|Categories: News|Tags: |0 Comments