Credito iva da omessa dichiarazione: la Cassazione conferma la prevalenza dell’aspetto sostanziale su quello formale

“Ove l'Amministrazione finanziaria recuperi, ai sensi dell'art. 36 -bis d.P.R n. 600 del 1973 e dell'art. 54- bis d.P.R. n. 633 del 1972, un credito esposto nella dichiarazione oggetto di liquidazione, maturato in una annualità per la quale la dichiarazione risulti omessa, il contribuente può dimostrare, mediante la produzione di idonea documentazione, l'effettiva esistenza del

Credito IVA annuale: l’omesso invio della dichiarazione non comporta la decadenza dal diritto di far valere tale credito, purché lo stesso sia riportato nel modello dell’anno successivo.

Con ordinanza n. 14055 del 7 luglio 2020 la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Pres. Perrino, Rel. Castorina) torna ad esprimersi in merito alla questione della detraibilità del credito IVA annuale nella fattispecie di omessa presentazione della relativa dichiarazione. E vengono nuovamente affermati i principi sostanziali derivati dalla giurisprudenza eurounitaria. La Suprema Corte ha

Rimborso IVA evidenziato in dichiarazione: è dovuto anche se non è stato presentato il quadro VR. Prescrizione ordinaria decennale del credito del contribuente.

“La giurisprudenza ormai consolidata di questa Corte, così come correttamente riportata nel ricorso, è nel senso che, in tema di IVA, l'esposizione di un credito d'imposta nella dichiarazione dei redditi fa sì che non occorra, da parte del contribuente, al fine di ottenere il rimborso, alcun altro adempimento, dovendo solo attendere che l'Amministrazione finanziaria eserciti,

18 Ottobre 2019|Categories: News|Tags: , , , , |0 Comments

Il credito IVA da dichiarazione omessa può essere fatto valere nella dichiarazione successiva.

La sesta Sezione della Corte di Cassazione torna, con l’ordinanza n.127 depositata il 4 gennaio 2017, sul tema del credito iva da dichiarazione omessa. E lo fa richiamando la recente giurisprudenza delle Sezioni Unite del 2016, con riferimento in particolare alla Sentenza 17757 dello scorso 8 settembre. In principio che viene ribadito è quello per

9 Gennaio 2017|Categories: News|Tags: , , , |0 Comments

Falcidiabilità del credito iva nell’ambito delle procedure concorsuali: ancora una conferma da parte della corte di giustizia europea.

Sempre più insidiato dalle pronunce extra - confini, sembra davvero destinato ad essere superato quell’orientamento, dei Giudici nazionali, che vieta all’amministrazione finanziaria la possibilità di falcidiare il credito IVA per quei debitori sottoposti a procedura concorsuale. A segnare un passo in tal senso, ci pensa, ancora una volta, la Corte di Giustizia Europea, con la

2 Maggio 2016|Categories: News|Tags: |0 Comments