Sezioni Unite: imposta di registro proporzionale e non fissa sul decreto decreto ingiuntivo ottenuto nei confronti del debitore dal garante che abbia stipulato una polizza fideiussoria e che sia stato escusso dal creditore.

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione nella sentenza 18520 del 10 luglio 2019 (Pres. Petitti, Rel. Perrino) si occupano di una questione in materia di registro sulla quale si era recentemente manifestato un contrasto di orientamenti all’interno della Sezione Tributaria. Nel caso specifico una compagnia di assicurazioni stipulò una polizza fideiussoria in favore dell'amministrazione

Beni acquisiti da una catena di soggetti (forse) interposti rispetto al reale venditore: secondo la Corte UE l’IVA sugli acquisti resta detraibile salvo che venga provata una frode.

L’articolo 168, lettera a), della direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto, come modificata dalla direttiva 2010/45/UE del Consiglio, del 13 luglio 2010, deve essere interpretato nel senso che, per negare il diritto di detrarre l’imposta sul valore aggiunto (IVA) versata a monte, la circostanza che

12 Luglio 2019|Categories: News|Tags: , , , , , , , |0 Comments

Forse alle Sezioni Unite la rappresentanza in giudizio di Agenzia delle Entrate Riscossione da parte degli avvocati del libero foro.

L’ordinanza 9 luglio 2019 n. 18350 della III Sezione Civ. Della Corte di Cassazione (Pres. Vivaldi, Rel. Rossetto) rimette gli atti al Primo Presidente, affinché valuti l'opportunità di assegnare la trattazione del ricorso alle Sezioni Unite, siccome “implicante la soluzione della questione di massima di particolare importanza, concernente la rappresentanza in giudizio della neoistituita Agenzia

Non motivata la sentenza in materia IRAP che non valuta le mansioni del dipendente.

L’ordinanza 8 luglio 2019 n. 18300 della Sezione filtro (Pres. Greco, Rel. Castorina) accoglie un ricorso dell’Agenzia delle Entrate ponendo tuttavia una questione che potrebbe ragionevolmente essere di utilità anche dalla parte del contribuente. Il giudizio verte sull’IRAP professionisti e sul rilievo dell’elemento organizzativo. In questo contesto la presenza del personale dipendente deve essere valutata,

9 Luglio 2019|Categories: News|Tags: , , , , , |0 Comments

Credito IVA desumibile dai numeri anche se non specificamente evidenziato in dichiarazione: spetta il rimborso. Non rileva il termine di cui all’articolo 21 del D.Lgs. 546/92.

In tema d'IVA, ove il credito di imposta sia già desumibile dalle dichiarazioni del contribuente e non sia contestato dall'Amministrazione finanziaria, non è necessaria una specifica istanza di rimborso, che costituisce solo il presupposto di esigibilità per l'avvio del relativo procedimento. Per questo motivo  non trova applicazione il termine biennale di decadenza previsto dall'art. 21,

Ricorso notificato privo di sottoscrizioni: se quello depositato in commissione tributaria è regolarmente sottoscritto non si configura l’inammissibilità.

La sentenza 4 luglio 2019 n. 17963 della Sezione Tributaria (Pres. Cirillo, Rel. Condello) si occupa di una vicenda nella quale il punto saliente era il fatto che che il ricorso in appello notificato all'Agenzia delle Entrate fosse privo della sottoscrizione del legale rappresentante della società e dei difensori e che la procura non risultasse

5 Luglio 2019|Categories: News|Tags: , , , , , |0 Comments

Per la Cassazione non esiste il Transfer Pricing interno.

La sentenza n. 16948 depositata il 25 giugno 2019 della Sezione Tributaria della Corte di Cassazione si occupa di presunzioni relative alle vendite infragruppo. Nel caso specifico l’Agenzia delle Entrate aveva notificato ad una società un accertamento analitico-induttivo nel quale la vendita di energia elettrica, acquistata da un soggetto svizzero, ad una società dello stesso

27 Giugno 2019|Categories: News|Tags: , , |0 Comments

Responsabilità della società beneficiaria della scissione per i debiti non soddisfatti dalla società scissa: differenze nette tra profilo civilistico e profilo tributario.

Segnaliamo ai nostri lettori la Sentenza 21 giugno 2019, n. 16710 della Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Pres. Chindemi, Rel. Stalla) che a nostro modesto avviso ha il pregio di spiegare molto chiaramente i fondamenti  normativi che caratterizzano la responsabilità della società beneficiaria della scissione per i debiti non assolti dalla scissa e al

26 Giugno 2019|Categories: News|Tags: , , , , , |0 Comments

La mancata stampa dei registri in sede di verifica (anche se disponibili altrove) configura l’omessa esibizione di scritture contabili.

L’Ordinanza 18 giugno 2019 n. 16253 della V Sezione della Corte di Cassazione (Pres. Perrino, Rel. Catellozzi) accoglie un ricorso dell’Agenzia delle Entrate in relazione a una sentenza di appello che, confermando quella di primo grado, aveva ritenuto che i dati contabili in fase di verifica esistessero in quanto erano memorizzati su appositi supporti informatici

Agevolazioni ICI/IMU a coniugi non aventi la stessa residenza: va considerato il caso dell’effettiva frattura del rapporto di convivenza.

L’ordinanza 7 giugno 2019, n. 15439 della V sezione della Corte di Cassazione (pres. Chindemi. Rel. D’Ovidio) rappresenta una interessante e ben motivata pronuncia sullo “stato dell’arte” in ipotesi di coniugi con diverse residenze in rapporto alle agevolazioni ICI/IMU. E’ vero infatti che alcuni riferimenti (ad eccezione della situazione dei coniugi con residenza diversa nello

17 Giugno 2019|Categories: News|Tags: , , , , |0 Comments