Fondo patrimoniale opponibile all’iscrizione ipotecaria per le obbligazioni contratte nell’esercizio di impresa quando il contribuente ha una pluralità di fonti di reddito

Con ordinanza n. 15741 del 7 giugno 2021 la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Pres. Stalla, Rel. Russo) ha fornito interessanti chiarimenti in merito all’opponibilità dei beni costituenti un fondo patrimoniale (art. 167 c.c.) all’iscrizione ipotecaria di cui all’art. 77 del D.P.R. 602/1973 per obbligazioni tributarie contratte nell’esercizio di impresa o dell’attività professionale nell’ipotesi

15 Giugno 2021|Categories: News|Tags: |0 Comments

TIA1 e TIA2: ribadite dalla Cassazione le differenze tra le due versioni della tariffa di igiene ambientale a fini IVA.

La Tia2, a differenza della Tia1 ha natura, privatistica e come tale è soggetta a Iva. I servizi erogati e il corrispettivo pagato per essi, infatti, costituiscono due quote di un rapporto composto da una prestazione e una controprestazione che legittima il pagamento dell’Iva. Lo ribadisce la VI sezione civile della Corte di Cassazione nella

14 Giugno 2021|Categories: News|Tags: , , |0 Comments

Imposta di registro in misura fissa per la sentenza con cui il debitore ceduto sia condannato al pagamento nei confronti del cessionario o del factor di un debito soggetto ad Iva

“La sentenza con cui il debitore ceduto sia condannato al pagamento nei confronti del cessionario o del factor di un debito soggetto ad Iva deve essere tassata non in misura proporzionale con l'aliquota del 3% ai sensi dell'art. 8 della Tariffa allegata al d.P.R. 131/86 ma in base alla nota II al medesimo art. 8,

12 Giugno 2021|Categories: News|Tags: , |0 Comments

Raddoppio dei termini di accertamento: la Suprema Corte ricorda i principi

Niente di particolarmente innovativo nella Ordinanza della Sezione Tributaria della Corte di Cassazione 1° giugno 2021, n. 15214 (Pres. Crucitti, Rel. Condello), ma una revisione dei principi fondamentali affermati negli anni dalla giurisprudenza in materia di raddoppio dei termini di accertamento previsti dall'art. 43, terzo comma, del d.P.R. n. 600 del 1973 e dell'art. 57,

11 Giugno 2021|Categories: News|Tags: |0 Comments

Impossibile la conversione ex post al regime forfetario se durante l’esercizio tutte le fatture sono state emesse in applicazione del regime ordinario di tassazione.

Con risposta ad interpello n. 378 del 31 maggio 2021 l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti negando la possibilità di aderire a posteriori al regime forfetario quando durante l’esercizio fiscale tutte le fatture siano state emesse in applicazione (anche se per mero ed involontario errore materiale) del regime di tassazione ordinario. Nei fatti l’Istante