Avviso di accertamento emesso “ante tempus”: non rileva l’imminente decadenza del termine di accertamento.

L’Ordinanza 10 aprile 2018 n. 8749 della sesta sezione della Corte di Cassazione (Pres. Cirillo, Rel. Luciotti) torna sul caso di un avviso emesso ante tempus rispetto alle regole dell’art. 12, comma 7, della legge n. 12 del 2000. Nello specifico viene accolto il ricorso di un contribuente che muove l’eccezione di violazione e falsa

Termine di sessanta giorni tra p.v.c. e accertamento: come si computa secondo la Cassazione.

“Nel rispetto del principio di cooperazione tra amministrazione e contribuente, dopo il rilascio della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni da parte degli organi di controllo, il contribuente può comunicare entro sessanta giorni osservazioni e richieste che sono valutate dagli uffici impositori. L’avviso di accertamento non può essere emanato prima della scadenza del

29 Maggio 2015|Categories: News|Tags: |0 Comments