Somministrazione a favore di dipendenti, soci e familiari nel servizio di ristorazione alberghiera: le prestazioni rientranti nel limite dei 50 euro non rilevano né ai fini IVA né ai fini delle imposte dirette

“Il servizio di ristorazione alberghiera nel quale vengano somministrati cibi e bevande a favore di dipendenti, soci e familiari dell'imprenditore costituisce prestazione di servizi, non assoggettabile a IVA ove non superi la soglia prevista dall'art. 3, comma 3, d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633; analogamente, non hanno rilievo ai fini delle imposte dirette le somministrazioni