Il giudicato favorevole al contribuente nel giudizio contro l’agente della riscossione fa stato anche nel giudizio contro l’ente impositore.

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 31476 del 3 dicembre 2019 della Sezione Tributaria (Pres. Cristiano, Rel. Fanticini) affronta la questione relativa ad una società contribuente che aveva presentato ricorso avverso una cartella di pagamento a Milano, contro l’Agente della riscossione locale e parallelamente aveva chiamato in giudizio l’ente impositore a Roma. La CTP

Estensione del giudicato favorevole del coobbligato solo in assenza di giudicato diretto.

A volte l’esistenza di un diritto non comporta l’ottenimento in giudizio del riconoscimento di tale diritto, se si prende una strada ritenuta non corretta per esercitarlo. E’ quanto si può dire per sintetizzare la Sentenza 23 marzo 2016 n. 5725 della Corte di Cassazione. Come i nostri lettori sapranno sicuramente è stato da tempo applicabile

25 Marzo 2016|Categories: News|Tags: |0 Comments