Particolare tenuità del fatto applicabile in caso di distruzione di fatture false. Il reato (salvo prova contraria) si considera consumato al momento dell’accertamento tributario.

La causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto, istituto contemplato nell'art. 131-bis c.p., introdotto dal D.Lgs. 16 marzo 2015, n. 28, è applicabile anche al reato di occultamento o distruzione di scritture contabili. Lo precisa la III Sezione Penale della Corte di Cassazione nella Sentenza 13616 del 5 maggio 20120 (Pres. Rosi, Rel. Andreazza).

Emissione di fatture per operazioni inesistenti: profitto e prezzo del reato ai fini del sequestro per equivalente.

Il sequestro preventivo funzionale alla confisca per equivalente non può essere disposto sui beni dell'emittente per il valore corrispondente al profitto conseguito dall'utilizzatore delle fatture medesime, poiché il regime derogatorio previsto dall'art.9 D.L.vo n.74/2000- escludendo la configurabilità di concorso reciproco tra chi emette le fatture per operazioni inesistenti e chi se ne avvale- impedisce l'applicazione

15 Luglio 2015|Categories: News|Tags: |0 Comments