Agevolazioni prima casa estese anche alle fattispecie di accorpamento di unità immobiliari contigue acquistate in contemporanea: il contribuente deve realizzare l’effettiva unificazione nel termine di decadenza triennale, ma non anche il relativo accatastamento dell’unità abitativa così realizzata.

            Con sentenza n. 11322 del 12 giugno 2020 la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Pres. Zoso, Rel. Paolitti) torna ad esprimersi sulla questione delle agevolazioni tributarie previste per l’acquisto della prima casa nelle fattispecie di accorpamento di più unità immobiliari finitime acquistate in contemporanea. La Corte, in continuità con quanto già a più

Componenti di reddito ad effetto pluriennale e decadenza del potere di accertamento: la questione alle Sezioni Unite?

L’ Ordinanza interlocutoria 5 giugno 2020, n. 10701 della Sezione Tributaria (Pres. Cirillo, Rel. Nicastro) pone la questione se l'amministrazione finanziaria possa rettificare una dichiarazione dei redditi (ovviamente, entro il relativo termine per l'accertamento) contestando un componente di reddito a efficacia pluriennale, sulla base di una diversa ricostruzione o qualificazione giuridica dei fatti costitutivi di

Recupero di ammortamenti annuali fiscalmente non deducibili: il termine di decadenza per l’accertamento si computa dal primo anno di iscrizione a bilancio.

In una giornata nella quale non abbiamo reperito pronunce recentissime di qualche interesse, ci preme tornare indietro di qualche settimana per segnalare e commentare una interessante sentenza segnalata ieri dal principale quotidiano economico nazionale. Si tratta della Sentenza 24 aprile 2018 n. 9993 della Sezione Tributaria (Pres. Cappabianca, Rel. Dell’Orfano). Il tema è il recupero

Decadenza rilevata d’ufficio dal giudice di appello: sentenza da riformare.

Il termine di decadenza stabilito, a carico dell'ufficio tributano ed in favore del contribuente, per l'esercizio del potere impositivo, ha natura sostanziale e non appartiene a materia sottratta alla disponibilità delle parti, in quanto tale decadenza non concerne diritti indisponibili dello Stato alla percezione di tributi, ma incide unicamente sul diritto del contribuente a non

29 Novembre 2017|Categories: News|Tags: , , , |0 Comments

Dichiarazione congiunta e tutela del coniuge co-dichiarante.

Nel caso di dichiarazione congiunta dei redditi da parte dei coniugi (ex art. 17 della 1. n. 114 del 1977) e per effetto della solidarietà voluta dal legislatore, la tempestiva notifica al marito dell'avviso di accertamento, come della cartella di pagamento, impedisce qualsiasi decadenza dell'Amministrazione finanziaria anche nei confronti della moglie co-dichiarante". Certamente la moglie

Cartella INPS non impugnata nei termini: secondo le Sezioni Unite non muta il termine di prescrizione del credito.

La Corte di Cassazione a Sezioni Unite, nella sentenza n. 23397 depositata il 17 novembre 2016, affronta la questione posta dalla Sesta Sezione civile, con ordinanza 29 gennaio 2016, n. 1799, sulle asserite "disarmonie" giurisprudenziali della Corte stessa relativamente all’ambito di applicabilità dell'art. 2953 cod. civ. con riferimento alla riscossione mediante ruolo di diversi tipi

18 Novembre 2016|Categories: News|Tags: , , , , , |0 Comments

Dichiarazione di successione e decadenza del potere di accertamento in caso di rimborsi sopravvenuti.

Una curiosa ed articolata vicenda è alla base della sentenza 30 marzo 2016 n. 6132 della Corte di Cassazione. Semplificando al massimo, la questione riguarda la mancata indicazione tra i crediti dei finanziamenti infruttiferi del de cuius effettuati in favore di una società partecipata. I bilanci societari erano stati allegati alla denuncia di successione, motivo

4 Aprile 2016|Categories: News|Tags: |0 Comments