E’ online il nuovo numero dell’Approfondimento!

Siamo da stasera on line con il numero 33 del nostro approfondimento mensile. Vi segnaliamo in particolare un editoriale sui temi della fiscalità e della spesa pubblica, un contributo sul tema del contraddittorio preventivo tributario dopo le più recenti pronunce delle Sezioni Unite e le ordinanze di luglio della Corte Costituzionale, un approfondito esame di

Conto corrente estero alimentato da proventi in nero e non esposto in RW in presenza di debiti tributari (rateizzati). Si configura il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte.

La Sentenza 26 luglio 2017, n. 37136 della III Sezione Penale della Corte di Cassazione (Pres. Cavallo, Rel Gai) affronta il ricorso di un professionista (avvocato) finalizzato ad ottenere la revoca di un sequestro preventivo. Relativamente al predetto professionista era stata verificata la disponibilità in Albania di un conto corrente sul quale erano affluiti in

Notifiche a mezzo PEC nel giudizio tributario: consentite solo dove è operativo il processo tributario telematico.

La sezione filtro della Corte di Cassazione, nella ordinanza n. 18321 del 25 luglio 2017 (pres. Manzon, Rel. Schirò)  prende in esame la questione di una notifica tra le parti avvenuta nel giudizio tributario e ritenuta non valida dal giudice di appello in quando essa avrebbe dovuto perfezionarsi invece a mezzo posta. La questione non

Divieto di revisione “in peius” della sentenza di primo grado da parte della CTR se l’appellato non propone appello incidentale.

La Corte di Cassazione, Sezione Tributaria, affronta nella sentenza 19 luglio 2017 n. 17778 (Pres. Tirelli, Rel. Pezzullo) il caso di una sentenza di appello in cui la C.T.R., pur in assenza di appello incidentale dell'ufficio finanziario parzialmente soccombente, ha applicato una percentuale di ricarico più alta di quella decisa in primo grado e pari

Motivazione della sentenza carente se il riferimento agli atti di causa è troppo generico.

La quinta sezione della Corte di Cassazione torna ad occuparsi della motivazione della sentenza tributaria dopo alcune importanti recenti sentenze (cfr. la 23484 del novembre scorso). E lo fa con l’Ordinanza 17835 del 19 luglio 2017 (Pres. Piccininni Rel. Fuochi Tinarelli), trattando di una motivazione di CTR nella quale si fa un riferimento alle opposte