In rete il numero 30 (con un nuovo look…)!!

Abbiamo messo on line il numero 30 del nostro approfondimento mensile. Il trentesimo vede una nuova veste grafica della copertina, relativamente alla quale attendiamo ovviamente le Vostre opinioni. Quanto ai contenuti, un editoriale sul lavoro e sugli inutili aggravi di adempimenti della "manovrina", un approfondimento sul fondo patrimoniale dal punto di vista fiscale, un interessante

Categories: News|0 Comments

Le Sezioni Unite si pronunciano sull’ammortamento dei terreni sui quali sorgono gli impianti di distribuzione carburante. La soluzione è di buonsenso.

La Corte di Cassazione a Sezioni Unite, nella sentenza 26 aprile 2017 n. 10225 (Pres. Amoroso, Rel Bielli) decidendo la corrispondente questione, ritenuta particolare importanza, hanno stabilito che il costo di acquisizione di un terreno costituente area di sedime di un impianto di distribuzione di carburanti è ammortizzabile ove si accerti una possibilità di utilizzazione

Motivazione apparente ed invalidità della sentenza tributaria.

La Sentenza 26 aprile 2017, n. 10257 (v. anche sentenza gemella 10255), della V sezione della Corte di Cassazione, Presidente Cappabianca, Relatore Locatelli, ottimamente scritta e argomentata, affronta la vicenda di un contribuente che si è difeso nei gradi di merito da un accertamento sintetico, con svariate eccezioni e con diversi argomenti probatori.  Malgrado ciò

Mancato inserimento negli elenchi del 5 per mille: il ricorso va proposto al giudice tributario? La questione va alle Sezioni Unite.

Un’associazione culturale la cui domanda di essere inserita negli elenchi per beneficiare della quota del 5 per mille non è stata accolta ricorre presso la competente commissione tributaria provinciale e ottiene un provvedimento favorevole, confermato dalla Commissione Regionale nel secondo grado di merito. Giunta la questione in Cassazione, la ricorrente Agenzia delle Entrate eccepisce ex

Accertamento da studi di settore: vanno valorizzate le osservazioni del contribuente in sede di contraddittorio.

La motivazione dell'atto di accertamento, nel caso esso si concretizzi nel riferimento agli studi di settore, non può esaurirsi nel mero rilievo dello scostamento dai parametri, ma deve essere integrata - anche sotto il profilo probatorio - con le ragioni per le quali sono state disattese le contestazioni sollevate dal contribuente in sede di contraddittorio,