E’ online il numero 27

E’ da poco on line il numero 27 del nostro approfondimento mensile, il primo del nuovo anno. Sempre consultabile e scaricabile gratuitamente. Contiene un interessante editoriale del Prof. Giovannini sui temi della fiscalità delle multinazionali, argomento sul quale ci proponiamo di tornare fin dal prossimo numero essendo particolarmente importante ed attuale. Abbiamo poi un approfondimento

Categories: News|0 Comments

Dichiarazione congiunta e tutela del coniuge co-dichiarante.

Nel caso di dichiarazione congiunta dei redditi da parte dei coniugi (ex art. 17 della 1. n. 114 del 1977) e per effetto della solidarietà voluta dal legislatore, la tempestiva notifica al marito dell'avviso di accertamento, come della cartella di pagamento, impedisce qualsiasi decadenza dell'Amministrazione finanziaria anche nei confronti della moglie co-dichiarante". Certamente la moglie

Vicenda Taricco: la Corte Costituzionale chiede precisazioni alla Corte di giustizia dell’Unione europea.

«Non è possibile che il diritto dell’Unione fissi un obiettivo di risultato al giudice penale e che in difetto di una normativa che predefinisca analiticamente casi e condizioni, quest’ultimo sia tenuto a raggiungerlo con qualunque mezzo rinvenuto nell’ordinamento». Questo a nostro modesto avviso il passaggio cruciale dell’Ordinanza n. 24 del 26 gennaio 2017 della Corte

Credito iva e mancata indicazione nella dichiarazione successiva (omessa): altra pronuncia nel solco delle Sezioni Unite.

La questione circa la possibilità di ottenere la detrazione di un credito IVA non indicato nella dichiarazione dell'anno al quale si riferisce la relativa pretesa è stata di recente decisa dalle Sezioni Unite con la sentenza n.17757/2016. In tale importante pronuncia si è affermato il seguente principio di diritto:  “La neutralità dell'imposizione armonizzata sul valore

Gestione disinvolta del conto cassa come presupposto per l’accertamento analitico-induttivo.

La Sentenza 20 gennaio 2017 n. 1530 della quinta sezione della Corte di Cassazione (Pres. Tirelli, Rel. Fuochi Tinarelli) afferma che una gestione evidentemente anomala del conto cassa nella contabilità aziendale possa costituire il presupposto per attivare un accertamento con metodo analitico-induttivo di cui all'art. 39, primo comma, lett. d), del d.P.R. 29 settembre 1973, n.